La magia della natura in autunno si chiama “foliage”: gli 8 luoghi più belli in Italia!

È l’ora del foliage, il magico spettacolo della natura quando in autunno si colora di giallo, di rosso, di arancio e di viola.

Scopriamo le 8 località più belle d’Italia dove poter ammirare i boschi e i giardini d’autunno più accattivanti.

 

È impossibile passeggiare senza lasciarsi coinvolgere: occhi e anima ne vengono totalmente travolti anche se non si è amanti della stagione fredda.

E proprio per ammirare le romantiche tonalità autunnali di boschi e giardini sono stati creati itinerari, mappe e addirittura delle app che aiutano i viaggiatori ad individuare i paesaggi più affascinanti sia in Italia che all'estero.

 

Scopriamo le 8 località più belle d’Italia dove poter ammirare i boschi e i giardini d’autunno più accattivanti.

 

Da nord a sud:

#1. Val d’Ayas, Val d’Aosta

Sotto il Breuil­Cervinia, nella Val d’Ayas, l’acqua del Lago Blu, uno dei punti più belli della Val d’Aosta, si tinge di rosso e di giallo: sono i colori che le foglie degli alberi dei boschi di conifere, di faggi e aceri riflettono sullo specchio del lago.

 

#2. Castel Trauttmansdorff, Alto Adige

I celebri giardini di Sissi a Merano e le foglie dei faggi di Castel Trauttmansdorff in autunno si colorano di rosso: uno spettacolo naturale mozzafiato arricchito dai laghetti, prati e boschi di sequoie, querce, cipressi e aceri del Canada. Sullo sfondo si possono ammirare i monti del Gruppo di Tessa, ricoperti dalle più suggestive sfumature di rosso e di giallo. Uno dei momenti più attesi per ammirare il foliage nei giardini di Sissi è l’evento Autunno a Trauttmansdorff, in programma il 23 ottobre, dedicato a tutta la famiglia e alla scoperta dei colori autunnali con degustazioni enogastronomiche di stagione. I giardini di Sissi sono raggiungibili a piedi da Merano percorrendo il sentiero dedicato all’imperatrice. Consiglio la visita al Castello di Neuburg che nel 1870 e nel 1889 ospitò l’imperatore Francesco Giuseppe e la celebre consorte e trasformato poi in un museo.

#3. Val di Non, Trentino

Il rosso e giallo delle foglie dei meleti, dei vigneti e dei larici contrasta con il blu del cielo terso: in autunno la Val di Non, la più ampia valle del Trentino occidentale, è uno vero e proprio spettacolo naturale! Il momento del “foliage” è talmente atteso che nelle giornate dell’8 e 9 ottobre viene organizzata la Pomaria, una manifestazione dedicata al raccolto delle mele e per l’occasione un trenino guida i visitatori tra i borghi di pietra della Valle e nei principali meleti ad ammirare l’emozionante foliage.

#4. Val Vigezzo, Piemonte

E’ un’esplosione di colori dorati e rossi il paesaggio che si ammira in Val Vigezzo, Piemonte. Da settembre a novembre dai finestrini del treno che collega Domodossola Locarno, sul lago Maggiore, offre la vista di emozionanti paesaggi. Soprattutto in autunno la Valle Vigezzo, conosciuta come “Valle dei pittori”, e la Centovalli, in Canton Ticino, regalano scorci davvero unici e meravigliosi.

#5. Foreste casentinesi, Toscana

In Toscana, sulle pendici dell’Appennino tosco­romagnolo, le foreste casentinesi sono considerate le più variopinte d’Italia.

In queste foreste è possibile ammirare più di 40 specie di alberi che, in autunno, regalano una vera esplosione di colori e di sfumature giallo­rosse, trasformando il paesaggio in uno spettacolo assolutamente suureale. Anche in Toscana, come in Trentino, il foliage è un momento particolarmente sentito tanto che ogni anno dal 10 al 15 ottobre la compagnia dei Cammini (www.cammini.eu) organizza passeggiate guidate alla scoperta delle foreste e dei piccoli borghi medievali, chiese, eremi e casolari. Durante le escursioni si ripercorre il Cammino di Francesco e la Via Romea addentrandosi nei boschi per ammirare i sublimi toni del foliage.

.

#6. Parco di San Liberato, Lazio

A soli 40 chilometri da Roma, sul lago di Bracciano, la tenuta di Sanminiatelli custodisce il parco botanico di San Liberato, progettato dal paesaggista Russell Page. Il giardino è ricco di alberi provenienti da tutto il mondo, in particolare aceri canadesi e ciliegi giapponesi, che in queste settimane d’autunno si infiammano di colore giallo e arancio. Tra le piante più strane ci sono l’albero del ferro e quello della canfora che in queste settimane sembrano incendiarsi di un intesso e brillante rosso fuoco.

#7. Foresta umbra, Puglia

Nel cuore del promontorio del Gargano, in Puglia, si estende la foresta umbra, riserva naturale di faggi secolari, di aceri e di querce. In autunno il bosco e gli alberi a fusto alto esplodono in una meravigliosa varietà di colori e di sfumature.

#8.Sila, Calabria

Il parco della Sila, il più esteso altopiano d’Europa nel cuore della Calabria, si trasforma con i suoi faggi in una macchia colorata con le tonalità più accese di arancio, rosso e giallo.

E’ il più grande bosco d’Italia, 150 mila ettari di immense foreste dove il foliage unito all’intenso profumo della resina dei faggi regala emozioni ancora più profonde. All’interno del parco, uno dei luoghi più caratteristici è Cupone, sul lago Cecita, che ospita un museo naturalistico e un orto botanico con 118 specie autoctone.

 

Reflex alla mano e immortaliamo questi paesaggi! Se vi va potete condividere le vostre foto qui sotto nei commenti oppure sulla mia pagina Facebook.. Vi aspetto!

Be Glam, Be U!

Scrivi commento

Commenti: 0